top of page

Dermatiti legate al freddo


Nei mesi invernali determinate patologie dermatologiche possono svilupparsi o peggiorare in risposta al freddo. Il ruolo primario della pelle, come organo più grande del corpo, è quello di agire come barriera fisica all’ambiente esterno. Quando la pelle è sana ci protegge dagli allergeni, dalle infezioni, dalle sostanze irritanti. Ma in inverno quando la temperatura esterna e l’umidità scendono, la pelle può irritarsi, seccarsi, desquamarsi e diventare pruriginosa.


Nei i mesi invernali, tra le condizioni dermatologiche che possono svilupparsi o peggiorare troviamo l'eczema, l'eritema pernio (geloni), il fenomeno di Raynaud, l'orticaria da freddo e la panniculite da freddo.


Eczema

L’eczema è una condizione infiammatoria della pelle caratterizzata da pelle secca e pruriginosa, può essere innescato da detergenti, allergeni alimentari o ambientali, cambiamenti ormonali e infezioni della pelle. Ci sono numerosi tipi di eczema che spesso hanno sintomi sovrapposti.


L’eczema asteatosico può peggiorare nel periodo invernale e si presenta con prurito, secchezza, escoriazioni, ragadi, infiammazione. I graffi legati al grattamento possono creare ferite aperte permettendo ad allergeni e batteri di penetrare nella pelle e causare un’eruzione cutanea o un’infezione.

Questo tipo di eczema si verifica tipicamente sulla parte inferiore delle gambe, ma le eruzioni possono verificarsi ovunque sulla pelle, come il tronco, le braccia e le mani.


L'eczema delle mani può anche peggiorare in inverno poiché le mani sono spesso esposte all'aria fredda e secca. La desquamazione, il gonfiore, le fessurazioni e il sanguinamento sulle mani sono comuni.


L'eritema pernio, noto anche come geloni, sono piccole macchie o noduli pruriginosi che possono verificarsi quando la pelle è esposta al freddo e a repentini cambi di temperatura, con conseguenti protuberanze gonfie e dolorose che colpiscono le dita dei piedi, le dita della mani, le orecchie e il viso.


La scarsa circolazione, la costrizione dei vasi sanguigni, una storia di malattia autoimmune e il sottopeso possono predisporre le persone ai geloni. Le aree afflitte sono dolorose, pruriginose, gonfie e di solito hanno una tonalità da bluastra a viola.


Il COVID e altre infezioni virali possono causare dermatosi pseudo-pernio, caratterizzate da lesioni cutanee che assomigliano all'eritema pernio con noduli dolorosi dal colore rosso al blu sulle dita dei piedi.


Raynaud

Il fenomeno di Raynaud è una condizione della pelle caratterizzata da una significativa costrizione dei vasi sanguigni nelle dita delle mani e dei piedi in risposta all'esposizione al freddo. Le estremità possono diventare rosse o blu, e si arrossano rapidamente quando si riscaldano. Le aree colpite possono anche essere intorpidite e/o dolenti e, se gravi, possono sviluppare ulcere.

E' consigliato evitare il tabacco, la caffeina e i decongestionanti che possono causare un maggiore restringimento dei vasi sanguigni.


Orticaria da freddo

L'orticaria da freddo è un'eruzione cutanea che si ritiene sia innescata da una risposta autoimmune e che porta al rilascio di molecole infiammatorie, compresa l'istamina. Clinicamente si manifesta con pomfi, prurito, eritema cutaneo, e occasionalmente mal di testa, brividi, mancanza di respiro, dolore addominale e diarrea. Attenzione perché nei pazienti che soffrono di orticaria da freddo si può verificare perdita di conoscenza e annegamento quando fanno il bagno in acque fredde


Panniculite da freddo

La panniculite da freddo si manifesta con noduli rossastri e dolorosi sulla pelle. Casi di panniculite da freddo sono stati documentati nei bambini che mangiano ghiaccioli e negli adulti sottoposti a crioterapia di tutto il corpo, che viene spesso utilizzata a fini estetici.


Quando si sviluppano condizioni della pelle di tipo invernali e i sintomi non si risolvono, è bene richiedere un parere medico, meglio se dermatologico poiché le eruzioni cutanee indotte dal freddo oltre che fastidiose e invalidanti possono essere spia di una condizione di salute sistemica.


Dott. Giovanni Biondo

Specialista in Dermatologia e Venereologia

Master Universitario di II Livello in Chirurgia Plastica

Milano, via Meravigli 16


Telefono: +39 02 366 85 103

+39 375 637 1111

WhatsApp: +39 329 734 776 5

Email: dott.giovannibiondo@gmail.com

283 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Hives or Urticaria

Urticaria are an itchy rash that can appear anywhere on your body. This rash is sometimes called wheals. It comes and goes and can last from hours or days (acute, last less then 6 weeks) to months (ch

Perché fare un filler al cuoio capelluto?

I filler al cuoio capelluto rivitalizzano i follicoli piliferi e il tessuto cutaneo, migliorando l’elasticità e l’idratazione della cute e stimolando la circolazione sanguigna. La combinazione di pept

Comments


bottom of page